23.6.11

ma se Godot non arrivasse mai?

ci sarà ancora qualcuno a cui piace ancora il teatro?


[...]


En attendant Godot, 1952

Estragon: E adesso che facciamo?
Vladimir: Non lo so.
Estragon: Perché?
Vladimir: Aspettiamo Godot.
Estragon: Già, è vero.


[...]


c'è ancora qualcuno che ricorda Godot?
non ho risposta
c'è ancora chi attende?
ho risposta
perchè io per primo attendo
anche se ormai è un'attesa stanca

è l'attesa di tasselli che vanno al loro posto
ma è come se il master lo facesse lentamente
(troppo lentamente) per non far leggere il disegno che c'è dietro

non mi fido
vorrei vederlo
vorrei capirlo
concepirlo
migliorarlo
goderlo al meglio
riempirne i vuoti
distruggerne le certezze
fortificarne le debolezze

ma sembra che il mio Godot non arrivi mai...

21.6.11

E' vita

è tutta vita quella che mi scorre intorno
ci sono viaggi
sorrisi
emozioni
sensazioni
profumi e colori
c'è il tatto
e parlo della regina del mio cuore come dei miei amici


solo un appunto perchè non vada perso:

c'è stato un momento ieri in cui si rideva tutti come matti e la biba ha commentato alle altre donne che ci guardavano esterrefatte "io li ho conosciuti così". è stato bello.
nonostante le difficoltà, la lontananza e tutto, il fatto di ritrovarsi e avere voglia di stare assieme e divertirsi è la cosa più bella. e forse il fatto di vedersi poco aiuto a rendere ancora più speciali questi momenti.

non sono parole mie e ne riportano delle terze ma non importa

ciò che importa è sentire

ciò che importa è ascoltare

Non si vede bene che col cuore.
L'essenziale è invisibile agli occhi. (Antoine de Saint-Exupéry)

e allora io dico che il cuore, oltre a vedere, ascolta
ed è attento e silenzioso