19.4.12

Cambio



...di mentalità






La nostra politica va in malora.
Il valore delle tangenti supera ormai quello dell'importo dei lavori e la corruzione è qualcosa di tangibile a tutte le latitudini e longitudini.
Cosa pretendere da un paese che ha la forma di una scarpa? (cit. Frak Antony e gli Skiantos che in settimana si sono pure sciolti)
Ecco.
Ero uno di quelli che aveva un lavoro sottopagato ma relativamente sicuro.
AVEVA
Perchè le cose sono cambiate.
"Vieni in ufficio a lavorare solo due giorni la settimana"
E nel frattempo non ho altro ammortizzatore sociale che non si chiami Famiglia e in più ho 35 anni e i miei si meriterebbero di godersi la loro pensione; ma il mutuo c'è e non va sospeso.
Ecco.
Sono una partita IVA di quelle che non evade davanti al Fisco. E lavorare due giorni alla settimana significa guadagnare due giorni alla settimana.
Così.
Non c'è un Pomì come seconda scelta.




L'Agenzia delle Entrate mi ha già fatto sapere che vivo al di sopra delle mie possibilità ma io non demordo e alla loro letterina standard ho risposto. Sarò stato l'unico in Italia a farlo? E sapete che ho detto? Che è vero. Che vivo molto al di sopra delle mie possibilità. Che negli anni '80 lo abbiamo fatto tutti e nessuno ha mai avuto niente da ridire o ha mai mandato lettere minatorie a casa del tipo "guadagni troppo e ti mandiamo la finanza". E poi ho continuato che è vero. Che vivo al di sopra delle mie possibilità perchè realisticamente ho intaccato il gruzzolo della mia Famiglia. In più ho aggiunto che non ne avrò per sempre, che finiranno e che quindi li ringrazio per l'interessamento ma che non si preoccupino che ho ben chiara la situazione.


Però non sono stato con le mani in mano e mi sono industriato per trovare mille piccoli lavoretti e le cose non vanno poi così male. Lavoro ce n'è. Brutto sporco, cattivo e sottopagato ma almeno onesto e che mi permette di sbarcare il lunario e mirare ad una placida sopravvivenza.


Oggi anche la mia piccola professionalità è stata messa a dura prova: mi è stata chiesta per la prima volta la cosiddetta "stecca". Se non sapete cosa sia vi aiuto: mi è stata chiesta una percentuale sul mio lavoro. Insomma chi mi procurerebbe il lavoro vorrebbe un po' di quello che dovrei guadagnare per avermi procurato il lavoro. Me lo ha chiesto come si chiede una cortesia. E per essere chiaro mi ha anche detto che farmi pubblicità costa.
E per essere ancora più chiaro quel caffè che abbiamo bevuto insieme l'ho voluto pagare io: perchè posso anche aver preso un caffè con la persona sbagliata ma io sono e resto onesto. Soldi guadagnati da girare in black mode? No, grazie.


Ti prego Italia, abbandona la corruzione
prima che io abbandoni te